Latest Entries »

Te’, bell’argomentone tanto per partire soft.
Finora avevamo scherzato, come si dice…

Insomma. Oggi è una giornatina un po’ di merda, tanto per usare un francesismo simpatico.
Saranno gli ormoni, che ne so (va sempre bene accusare gli ormoni, che tanto non possono dir niente), ma oggi sono stata emotiva e scazzata e presa male.
Una di quelle giornate in cui ti viene da piangere di commozione o di rabbia praticamente per qualsiasi vaccata. O meglio, una di quelle giornate in cui MI viene da eccetera eccetera.
Evabeh, capitano.

Siccome alla fine perfino quando avrei intenzione di crogiolarmi nelle mie (fittizie) miserie esistenziali, in realtà sono una personcina pratica e concreta, la conclusione della giornata è stata una riflessione sui cambiamenti.
In realtà, ad onor del vero, ci si è messa una chiacchierata con un amico che ha parecchio risollevato le sorti della giornata, e mi ha rimesso addosso l’energia necessaria a scuotermi un po’ di dosso la polvere e a scrivere un post.

D’altronde le giornate di merda servono proprio a questo… a suggerire cambiamenti. Se va tutto sempre bene, chi te lo fa fare di cambiare le cose? Ti pare?

Insomma. Il discorso (o meglio, il quesito) è questo: possibile che per cambiare seriamente qualche cosa, in particolare della propria vita, sia necessario trovarsi col culo per terra?

Nella mia vita ci sono state alcune grosse svolte in positivo, e tutte sono passate da dei momenti di crisi profondi, pesanti e prostranti. Nonché logoranti.

Ben venga anche il logorìo, una parte della mia filosofia è sempre (o per lo meno da molto molto tempo) stata discernere il dolore dal danno: qualcosa può far sentire male, ma essere comunque una cosa positiva sul lungo termine. Ho sempre pensato: sono io che scelgo se una cosa può danneggiarmi o no.
Ora mi sto interrogando su un passaggio successivo: è possibile innescare uno di quei processi di cambiamento, uno di quelli “seri”, “importanti”, senza dover per forza entrare in crisi, stare di merda e sentire di non stare solo raschiando il fondo del barile, ma anche di star scavando con le unghie nel cemento?

La risposta per il momento potrebbe essere: Boh.

In verità, la faccenda è che, come sempre, ognuno modella il proprio mondo, oltre che se stesso/a, perciò una risposta più realistica (uhm, interessante questo concetto di “realismo”… ma lasciamolo ad un altro post) potrebbe essere: certo che sì, è sufficiente che il paradigma di quella persona lo preveda.
🙂

Questa cosa dei paradigmi è stata decisamente la “rivelazione” di quest’anno per me. Tutto nato da una campagna di giochi di ruolo (lì si parlava di paradigmi magici, ma il concetto era facilmente estendibile). Gliel’ho detto al master che tutta la faccenda aveva a che fare con l’evoluzione spirituale. Da un’altra persona magari no, ma da questo master posso credere che capisca sul serio cosa intendo e cosa questo significhi per me.

Concludendo: uno dei prossimi task (che non è un obiettivo, ma un compito, perché siam gente che viaggia sul pratico) in vista è quello di imparare a innescare un cambiamento profondo senza dover passare da una crisi esistenziale seria. E il modo per ottenere questo risultato è una “rivelazione”, un’epifania: cambiato il paradigma, ogni cosa accadrà come una naturale conseguenza di questo, nel modo più spontaneo, come se lo avessi sempre saputo fare… così come, in effetti, è.  🙂

<3

 

Banalmente, una lista di cose che prima o poi andrò ad approfondire.
Aggiornata assolutamente a caso. Random. Molto Random.

 

 

– Illustrazioni per il Faust, di Harry Clarke. Cupe oniriche inquietanti affascinanti sensuali oscure.

 

 

Video vari

la mini-balestra (genialmente inutile ma fighissima)
http://www.youtube.com/user/01032010814/videos?view=0&flow=grid

contact juggling notevole in alfabeto cirillico e salsa fachira
https://www.facebook.com/photo.php?v=452326961570517

hoola-hop come si deve
https://www.facebook.com/photo.php?v=675828062472516

foto subacquee
http://www.incredibilia.it/modelle-subacquee/

cane beato per i massaggini sulla testa con l’aggeggino malefico
https://www.facebook.com/photo.php?v=10152609396514179

Articoli & c:

http://nuovoeutile.it/cominciare-un-lavoro-creativo/

Altro:

pbc vampiri (???): https://www.iwakuroleplay.com/threads/vampire-the-masquerade-becoming.20911/

Family picture

1001148_10201422979000522_622340175_n

From left to right: Marduk, Azzurra, me, Artù, Sally

🙂