Category: Cani


(scusate l’italiano e gli eventuali errori, ho riletto rapidamente)

Mi capita abbastanza spesso di sentir dire che certi cani (nello specifico, generalmente si parla di cani di razze selezionate per attività intense e/o faticose) per stare bene devono “lavorare”: si sottolinea quanto la loro genetica renda imperativo per quei cani essere impiegati in attività “consone” alla loro razza, perché altrimenti, si dice, non possono essere felici/sereni/appagati/tranquilli.

Non voglio entrare nel merito delle attività di cui sopra, su cui peraltro ci sarebbe tantissimo da dire, ma voglio parlare di una cosa diversa, che riguarda un po’ tutti i cani, in particolare quelli che hanno una grande propensione ad attivarsi e “fare cose”.

La frase “è un cane da lavoro quindi deve lavorare (tanto)” in parte ha senza dubbio un fondamento: una personalità attiva (che sia tale per caso o perché frutto di una selezione specifica, non cambia) sta male se non ha niente da fare, finisce o per intristirsi e deprimersi, oppure per inventarsi le peggio cose per tenersi occupata, e questo non è utile per nessuno, tende a generare conflitti e stress, e a peggiorare ulteriormente le cose.

Pretendere di trasformare un cane attivo e dinamico in un cane “da divano” è una forzatura, una forma di maltrattamento che si configura nel non riconoscere l’identità e le esigenze dell’Altro.
Questo a sua volta non significa che un cane attivo non debba potersi svaccare nelle comodità quando ha finito di far cose, eh, mi raccomando… l’idea che per avere un cane “performante” – e ci sarebbe da chiederci come mai vogliamo che lo sia – lo si debba deprivare di affetti e comodità è un’altra schifezza che mi piace pensare sia ormai superata, ma non vorrei dilungarmi oltre, confidando che chi legge abbia a cuore il benessere dei suoi cani e non abbia bisogno di ulteriori delucidazioni.

Comunque, tornando al tema dell’articolo: l’altra faccia della medaglia è che spesso i cani cosiddetti “da lavoro” e in generale i cani molto attivi vengono stimolati tantissimo nel fare, ma non vengono aiutati ad imparare a rilassarsi e al non fare niente in serenità, quando sarebbe una delle loro maggiori esigenze, proprio per via del fatto che la genetica non li facilita ad apprendere questa capacità.

Per capire quello di cui sto parlando, pensiamo a quelle persone che devono sempre correre di qua e di là, che si riempiono la vita di mille impegni, mille faccende, corsi, appuntamenti, lavoro, ecc., e poi se hanno mezza giornata libera sono quasi in panico perché non sanno cosa fare e di fatto non si godono la possibilità di riposare perché… non sono letteralmente CAPACI di farlo: il loro cervello, a furia di seguire determinate routine, giorno dopo giorno, si è “impostato” sull’attività continua e ha smesso di attivare quei percorsi neurologici che gli permetterebbero di godersi le pause.
La buona notizia è che questa impostazione non è irreversibile, anche se, a seconda di quanto è consolidata, può essere più o meno facile da modificare.

Anche nei cani può succedere la stessa cosa: se si abituano a dover sempre fare-fare-fare-fare, e sono già predisposti in quel senso per carattere/genetica, possono avere difficoltà a rilassarsi e a godersi il “dolce far niente”, quindi se da un lato è importante che abbiano la possibilità di fare attività consone alla loro natura (magari in un altro articolo parlerò di cosa abbia senso considerare “consono” in questo senso), dall’altro è anche importante che abbiano momenti della giornata in cui rilassarsi, e non intendo perché sono esausti da mille attività (chiunque si ferma quando è stanco morto, ma non significa che ci stia bene, che sia rilassato e che questo gli insegni come farlo anche quando è ancora pieno di energie), ma proprio per imparare a stare bene senza dover per forza fare qualche cosa.

Un modo molto naturale per aiutare un cane ad imparare l’arte del riposo è quello che passa dal gruppo familiare, coinvolgendo quindi la sfera sociale, che per il cane ha un valore immenso e un impatto che spesso viene sottovalutato.

Quindi, come si fa?
In sostanza, nella pratica, quando giocate o fate un’attività insieme, e a un certo punto l’attività deve terminare, perché è finito il tempo a disposizione, o perché volete dedicarvi ad altro, si può creare un momento da dedicare all’esperienza del “rilassamento condiviso”.

Invece di chiudere l’attività e dedicarvi a qualcosa che non riguarda più il cane, prendetevi un po’ di tempo per rallentare (se si tratta di un gioco dinamico, per esempio il tira e molla, rallentate progressivamente fino a fermarvi, oppure se state lanciando una pallina, fate tiri sempre più corti, con movimenti sempre più lenti e morbidi, tono di voce meno squillante e volume più basso; se si tratta di un gioco di ricerca, o di altro gioco meno movimentato, mostrate al cane le fasi in cui riponete le attrezzature, muovendovi tranquillamente, parlandogli con calma e a tono di voce basso) e poi sedetevi con lui (meglio se allo stesso livello, quindi insieme per terra oppure insieme su un divano), ma insieme, e aiutatelo con la vostra respirazione (respiri che diventano sempre più profondi e lenti), il vostro tono di voce (che diventa via via più morbido e basso), i vostri movimenti (lenti, lunghi, morbidi) a calmarsi e a rallentare a sua volta, fino a che la vostra “attività”, insieme, diventa il riposo, lo stare seduti o sdraiati a rilassarvi (sentitevi liberi di parlargli e/o di accarezzarlo in modo lento e morbido – l’importante è che il vostro corpo e la vostra voce trasmettano calma, attenzione a non usare la voce o le carezze per calmare voi stessi!).

In pratica, attraverso il vostro esempio concreto, guiderete il cane ad adeguarsi ad un maggiore stato di calma, uniformandosi a ciò che fa il resto del gruppo sociale (ossia voi!).

E’ chiaro, ma, devo dire, non scontato come sembra, che il resto del gruppo sociale, ossia voi (!), deve essere a sua volta in grado di guidare il cane in modo reale e veritiero: il corpo non mente e se noi per primi siamo tesi, nervosi, agitati, scocciati, pressati, frettolosi, eccetera, non potremo trasmettere le emozioni e le sensazioni giuste, per cui prima di pretendere di “lavorare” con il cane occorre che valutiamo se sia il caso di “lavorare” su noi stessi, altrimenti rischiamo di non ottenere nulla o addirittura di peggiorare la situazione (per esempio se non vediamo risultati tangibili e ci irritiamo).

Posto che siate nel perfetto stato d’animo per rilassarvi con il vostro cane, perché questa cosa funzioni all’inizio può comunque volerci un po’, perché dovete ascoltarvi reciprocamente e dovete stare attenti a farvi “seguire” (a livello emotivo) dal cane stesso, ossia ad aiutarlo a “scendere” nell’attivazione emotiva, in modo tale che riesca ad adeguarsi progressivamente.

Se voi siete calmissimi, quasi in catalessi, ma il cane è ancora su di giri, magari ansimante e col battito cardiaco non dico accelerato, ma adatto a un momento di attività fisica e non al riposo, vuol dire che ve lo siete perso per strada e che bisognava fare le cose più lentamente: osservare e ascoltare il cane per capire se state riuscendo a “portarlo con voi verso la calma” è la parte fondamentale.

Inizialmente è anche importante il contesto: un cane che non è abituato a rilassarsi sarà aiutato dal fatto di trovarsi in un luogo calmo, in silenzio o con suoni di sottofondo, senza odori forti, ecc., mentre in mezzo alla confusione e agli stimoli ovviamente sarà più in difficoltà.

Altra nota importante: attenzione a non mettervi in conflitto con il cane, a non PRETENDERE che si calmi. So che suona ovvio, a dirlo, ma quando ci siamo dentro (mi ci metto anche io, eh!) non è detto che lo sia, perché noi umani tendiamo a diventare molto performativi, cioè a darci un obiettivo (che identifichiamo in un comportamento visibile e “misurabile”) e a voler fare di tutto per raggiungerlo, mentre in questo caso non funziona così… l’obiettivo non è avere il cane calmo, e tanto meno fermo (si può stare fermi senza essere minimamente calmi!), l’obiettivo è aiutare il cane a modulare il suo stato emotivo.
Ripetiamolo: l’obiettivo è aiutare il cane a modulare il suo stato emotivo.

Magari all’inizio, le prime volte (anche parecchie volte, se la sua difficoltà è molto radicata), il cane non riesce a rilassarsi quanto vorremmo noi, ma se anche solo iniziasse a fermarsi un secondo, guardarci e domandarsi che cosa sta succedendo, e come mai noi ci comportiamo in un certo modo, per alcuni cani sarebbe già un grande successo.

Siccome mi trovo a scrivere un articolo generico e non conosco il cane con cui potreste voler provare questa esperienza, non posso valutare quale sia il vostro punto di partenza e quanto velocemente si vedranno dei cambiamenti a livello comportamentale, ma ciò che è significativo non è tanto il livello di calma raggiunto in una “sessione”, bensì il progressivo miglioramento della situazione, da una volta all’altra, per cui può essere che inizialmente i cambiamenti siano minuscoli, e poi via via che ci si “allena” in questa cosa, le cose vadano a migliorare sempre più.

Aiutare un cane ad imparare la “nobile arte” del rilassarsi senza far nulla, attraverso l’esempio e la condivisione di un momento sociale/familiare, non è un esercizio programmato da ripetere per un numero definito di volte, è un’abitudine, un’esperienza da vivere insieme, un momento in cui cercare piacere insieme nella vicinanza e nella tranquillità.
Una volta appresa questa capacità all’interno di una situazione sociale, il cane potrà imparare, pian piano e progressivamente, a metterla in pratica anche quando è per conto proprio (quando siamo presenti ma non stiamo interagendo con lui, o quando si trova da solo).

E’ importante capire che la rilassatezza arriva e viene “appresa” quando si scopre che è un piacere, e per qualsiasi animale sociale un piacere che viene condiviso con le persone amate è ancora più bello: per questo motivo l’aspetto sociale dello stare insieme a rilassarsi è così importante ed efficace nell’aiutare un cane a godersi il momento.

>> Disclaimer: questo articolo è, per sua natura, una generalizzazione. Ogni individuo, di qualunque specie faccia parte, è unico e differente dagli altri per genetica e per esperienze vissute, senza contare che più individui intrecciano tra loro relazioni che a loro volta sono uniche e in costante evoluzione, quindi prego chi mi legge di prendere sempre ogni indicazione semplicemente come uno spunto di riflessione, che non va messo in pratica in modo automatico, ma che deve essere calato nel contesto di vita e tarato sulle caratteristiche individuali dei partecipanti umani e canini, tenendo a mente sempre e per prima cosa il benessere e la sicurezza fisica e psicologica di tutti i coinvolti!

Nota: la capacità di rilassarsi di un individuo dipende anche dai suoi livelli di stress. Se il cane vive in un contesto stressante è possibile che abbia difficoltà a rilassarsi per questo motivo, pertanto di fronte a un cane che si agita molto, è sempre attivo, fatica a rilassarsi, o appare “iperattivo”, è importante fare una valutazione – eventualmente con l’aiuto di un professionista – dei fattori di stress e di quanto il cane sia in grado di farvi fronte.

“Qual è il tuo approccio?”
“Che metodo usi?”
“Di che scuola fai parte?”

Insomma, un articolo per spiegare grossomodo cosa combino quando “lavoro” con i cani, estratto da un commento ad un post, nel gruppo Cinofilosofia, questa sconosciuta (si parlava, citando un libro, di cosa sia l’apprendimento emozionale).

Io non ho la più pallida idea di cosa intenda l’autore (anche visto che non so chi sia) per apprendimento emozionale, tuttavia sono d’accordo con il fatto che se si “lavora” (o si dice di lavorare) con le emozioni, bisogna sapere cosa si sta facendo, altrimenti si possono fare dei gran danni.

Ti parlo, a titolo personale, quindi senza pensare di “rivelare” alcuna “verità”, di quello che cerco di proporre quando ho a che fare con i cani, specialmente con cani che mostrano dei disagi di qualche tipo, e tengo a sottolineare come la mia estrema prudenza nello scegliere cosa proporre ai vari cani sia proprio dovuta alla consapevolezza che se non conosci bene non dico “i cani”, ma *quel* cane, in quella famiglia, in quelle circostanze, ecc ecc, è meglio essere super prudenti, piuttosto che rischiare di creare più problemi di quelli che vuoi risolvere.

Il mio “lavoro” consiste prevalentemente nel proporre a un cane delle esperienze, che possono variare moltissimo a seconda di chi è quell’individuo e da come mi si presenza nella situazione in cui ci incontriamo (stage, classi, passeggiata, a casa sua, ecc.).
Possono essere esperienze legate alla comunicazione (con o senza incontri diretti con altri cani, a volte l’olfatto a distanza è più che sufficiente, perfino troppo), legate all’espressione del predatorio, o legate ad altri aspetti del carattere e della personalità che un cane può mostrare, possono coinvolgere l’uso di oggetti (risorse), l’uso dello spazio (distanze, recinzioni, confini veri o immaginari, elementi dell’ambiente e reciproche posizioni), eccetera eccetera.

Vivere un’esperienza fa provare, a chi la vive, delle emozioni, che sono alla base di ciò che forma, in un individuo, opinioni e idee sul mondo e sulla propria relazione con il mondo stesso, perciò sono alla base di quello che determinerà i comportamenti di quell’individuo.

Se io riesco a cogliere ciò di cui un certo individuo può avere bisogno, posso scegliere delle esperienze da proporgli, che suscitino in lui/lei delle emozioni tali da cambiare la sua percezione di sé e del mondo (ovviamente, si parla di cambiamenti specifici e limitati, ma che possono nel tempo essere portati avanti e ripetuti fino a costituire una base solida per un’evoluzione interiore profonda e durevole).

Il problema e la magia di questo approccio (che NON è un metodo, in quanto cosa poi FAI quando sei di fronte a un cane, dipende dal singolo cane e dalla situazione contingente, e non esistono regole fisse o protocolli che possano andare sempre bene) è la delicatezza necessaria a entrare in contatto con una sfera interiore della personalità di un certo individuo, al punto da cercare di rendersi conto di cosa si trova alla base di una serie di comportamenti (che sono ciò che noi vediamo, di ogni individuo), per poter proporre un’esperienza che scuota le convinzioni che nel passato sono state create (per esempio che certi umani ti vogliano fare del male, o che altri cani vorranno sempre rubarti il cibo, o che la tua famiglia umana non ha interesse nell’ascoltarti e supportarti, o qualsiasi altra convinzione) e dia modo a quel cane di esperire una situazione diversa, o un esito diverso a una situazione nota, andando a modificare il suo pensiero su ciò che accade, e in conseguenza, anche i comportamenti che quel pensiero andrà, in futuro, ad esprimere.

Considerando quanto gli umani, e in particolare gli educatori cinofili che utilizzano approcci di tipo comportamentista (da “behaviourist”), sono legati al focus sul comportamento, è drammaticamente facile che si creino dei fraintendimenti veramente grossolanti, che andranno a danno del cane.

Un esempio:
se abbiamo un cane che in certi contesti si fissa a cacciare le lucertole, o addirittura qualche cosa che non esiste, e nel far ciò smette totalmente di dare retta alla sua famiglia umana, che facciamo?

Un educatore di stampo comportamentista potrebbe pensare che sia una buona idea bloccare tutti i tentativi di dedicarsi alla caccia, fino a che l’attenzione del cane non venga riportata al suo umano.
Questo l’ho visto accadere in tanti modi: con le punizioni, con i premietti, con l’utilizzo (sigh) di altri cani “regolatori” (ma quando mai?) che per motivi loro sceglievano di bloccare qualsiasi iniziativa dinamica negli altri cani, ecc.

Ma se quel comportamento di caccia “fuori contesto” fosse dovuto non a un “capriccio” del cane, bensì a un’emozione (di disagio) che gli fa attivare l’istinto predatorio ed esprimere comportamenti in effetti di evitamento e di scarico di stress, che cosa succederebbe, in quel cane, qualora venisse inibito o “convinto” a dare retta agli umani (o a confrontarsi con altri cani, o a prendere consapevolezza di essere in uno spazio recintato, o qualsiasi altra sia la causa del suo disagio)?
Evidentemente, il disagio resterebbe, e gli ci si potrebbe sommare anche una certa dose di conflitto e di sfiducia, derivanti dal non essere compreso e dall’essere di fatto costretto ad abbandonare un comportamento con cui cercava di procurarsi sollievo.

Un approccio che lavori sulle emozioni andrà a cercare per esempio, invece, di creare una situazione in cui il cane, in quel contesto, modificando alcuni parametri o proponendo dei “diversivi” più funzionali, riesca a trovarsi a suo agio, si senta capito, ascoltato, tutelato dal suo gruppo e capisca di “potercela fare”, e quindi smetta di provare disagio e conseguentemente di aver bisogno di andare in evitamento o in scarico attraverso comportamenti predatori non pertinenti.

Al contempo, chi lavora sulle emozioni però deve anche saper modulare molto bene le esperienze che propone e adattarle in tempo reale alla situazione, perché occorre “andar dietro” alle emozioni del cane (o DEI cani, se ce ne sono più di uno in campo), far sì che non si esageri, che se lo stress è comunque eccessivo siano sempre disponibili dei comportamenti che possano alleviarli (ma senza nuocere ad altri), quindi occorre far grande attenzione a non scivolare, anche involontariamente, nel dire al cane cosa deve fare (dare comandi o fare richieste), nell’impedire i comportamenti di scarico… il tutto, con la ciliegina sulla torta che esistono anche cani “melodrammatici” e manipolatori, che sono perfettamente in grado di fare delle sceneggiate incredibili pur di non dover uscire dai propri schemi mentali e faticare a trovare nuovi punti di vista sul mondo.

E’ venuto un post chilometrico, e non ho detto nemmeno un decimo di quello che avrei voluto esprimere, ma spero si riesca almeno a intuire che cosa poteva voler dire l’autore della frase citata, dicendo che per lavorare a livello emozionale in maniera efficace e non dannosa, bisogna fare veramente tanta attenzione e metterci sensibilità e competenze che si possono acquisire solo con una formazione di un certo tipo.

Ho trovato sul web l’immagine che vi riporto sotto, di cui non sono riuscita a risalire all’autore. In ogni caso di termofoto di cani se ne trovano moltissime online e di fatto una vale l’altra per quello che voglio dire.

La foto in questione veniva descritta come una rappresentazione della temperatura del corpo del cane in due diverse aree del corpo, una tosata e una no, e veniva accompagnata dall’invito a non tagliare il pelo del cane in estate, in quanto isolante.

Vi riporto qui un post che ho inserito sul gruppo facebook “Cinofilosofia questa sconosciuta”, perché credo sia importante fare chiarezza sul “funzionamento” delle fotocamere che rilevano il calore e su ciò che effettivamente mostrano, in quanto il fraintendimento porta a interpretazioni decisamente arbitrarie e fallaci della questione del pelo e dell’isolamento termico.

Ecco il testo del post:

Premesso che non sono una toelettatrice, mi sono imbattuta in questa foto e sento l’urgenza di fare una annotazione tecnica in merito.

La termofoto non rivela la temperatura di ciò che è fotografato, ma il calore che irradia (in sostanza, registra delle onde che il soggetto termofotografato emette).

Questo significa che, nella foto sotto, la zona rasata sta *emettendo* più calore, non che è la zona del corpo internamente più calda… il che a sua volta significa che il pelo – che effettivamente funge da isolante, sia con il caldo sia con il freddo – impedisce al corpo del cane di disperdere calore. Questo a sua volta implica che la temperatura interna delle zone del corpo con il pelo si può ragionevolmente ritenere maggiore delle zone del corpo senza pelo, o, in alternativa, ha senso pensare che, almeno fino a temperature esterne molto molto alte, il corpo debba fare maggior fatica per termoregolarsi se è presente un pelo con ottime capacità isolanti (lungo e folto, con molto sottopelo) rispetto a un pelo meno isolante (più corto e rado, con meno sottopelo).

Quindi non ha senso demonizzare il taglio del pelo in estate, affermando che un cane rasato ha certamente più caldo di un cane col pelo a causa del mancato isolamento termico.

Il discorso della rasatura è più complesso e dovrebbe tenere conto di tanti fattori: prima di tutto quelli riguardanti il cane, ossia la qualità del pelo (pelo di guardia, sottopelo), la qualità della ricrescita, il fatto che il pelo rappresenta un “supporto” per l’odore naturale del cane determinato dai suoi feromoni, il fatto che il pelo fornisce una protezione dalla luce solare e dalle sue irradiazioni più aggressive (la pelle dei cani può scottarsi col sole!).
In secondo luogo occorre anche ragionare su come viene tagliato/rasato: una rasatura cortissima può sicuramente creare problemi, mentre una rasatura media, ovviamente se il pelo del cane è adatto e lo consente (ci sono razze con un pelo che si rovina se viene tagliato, e rischia di ricrescere in modo anomalo), ha senso nella misura in cui può aiutare per il caldo senza compromettere le altre funzioni protettive del pelo.

Una ben sensata alternativa potrebbe essere una spazzolatura costante, o un bagno ben fatto, per eliminare una quantità importante di sottopelo in periodo di muta.

Penso che sia molto importante che ragioniamo sempre con la nostra testa quando ci vengono fornite delle spiegazioni su scelte che rischiano di diventare dogmi (o divieti assoluti), e nella scelta di una toelettatura, andare da qualcuno che conosca il mestiere anche “dal lato del cane”, comprendendo che il pelo ha un “valore” (positivo o negativo!) che non si limita a quello di isolare il cane dal freddo.
E se sa anche leggere una termofoto, meglio ancora. 😉

Per dovere di cronaca, va detto che alcune persone (penso non avendo capito bene il senso di quello che ho scritto), hanno contestato dicendo

a) che il cane non si termoregola attraverso la cute (cosa falsa: il cane non suda, quindi non disperde calore in quel modo, ma come qualsiasi corpo vivente e non, se si trova a una temperatura più alta di quella ambientale, disperde calore nell’ambiente e questo significa che in estate la dispersione di calore funge da termoregolante, ed è ostacolata e non aiutata dal pelo)

b) che la tosatura a pelle fa sempre malissimo (anche qui, si vede che non hanno letto, perché l’ho scritto pure io che una tosatura troppo corta riduce i fattori di protezione dati dal pelo e quindi è sconsigliabile, per cui non mi è chiaro cosa ci sia da contestare! XD )

Nel caso qualcuno volesse leggersi una marea di commenti fra i quali si trovano degli utili ripassi sulle leggi della termodinamica, che permettono di capire meglio la situazione, questo è il link al post nel gruppo (che però è un gruppo chiuso, quindi se non siete iscritti non potete leggerlo… lo metto più che altro come riferimento per me):
https://www.facebook.com/groups/cinofilosofia/permalink/1241909015943395/

Quando sono relatrice in uno stage cinofilo o “conduttrice” in una giornata di classi di comunicazione, una delle regole più importanti che chiedo agli organizzatori di far seguire a chi si iscrive all’evento è quella di non far sostare o sgambare i propri cani nei pressi del campo in cui si svolge l’evento, mentre ci sono altri cani in campo.

Questa richiesta può sembrare dura e restrittiva, ma è indispensabile perché il lavoro in campo si svolga correttamente.

Va anche detto che in tutti gli eventi sono previste delle pause per far sgambare i cani e ridurre così il disagio delle attese in auto. Inoltre, in tutti gli eventi per i quali c’è anche il minimo dubbio che la temperatura possa dare fastidio ai cani, si sottolinea l’importanza di ombreggiare adeguatamente l’auto e di organizzarsi in modo che i cani stiano freschi. Ancora, in piena estate non tengo eventi (a meno di situazioni molto particolari in cui il problema del caldo non sussiste) proprio per non far patire ai cani la calura eccessiva (sia in auto, sia in campo).

Premesso questo, perché è importante che i cani non sostino nei pressi mentre si sta svolgendo lo stage o la classe?

Il mio lavoro ruota intorno al benessere del cane e consiste in larghissima parte in due aspetti:
1) interpretare lo stato d’animo e la comunicazione dei cani (ciò che esprimono, volontariamente e involontariamente, le loro emozioni e le loro intenzioni, che si riflettono nelle azioni e nei comportamenti)
2) creare delle situazioni che permettano ai cani di fare delle esperienze educative*, che li aiutino a crescere e ad acquisire competenze personali e sociali, ossia la capacità di fare fronte con serenità alle situazioni della vita.

(*educative nel senso letterale, ossia esperienze che li aiutino a “portare fuori” le loro qualità interiori e a svilupparle al meglio)

Per poter fare queste due cose, ho bisogno che il contesto che si crea intorno al cane che è in campo sia il più possibile conosciuto e controllato, di modo che, limitando tutte le altre variabili ambientali, sia possibile lasciare il cane il più possibile libero di esprimersi, così che la “lettura” ne risulti il più possibile limpida e veritiera, e che la proposta esperienziale risulti sensata e tarata sulle caratteristiche individuali di quel particolare cane, in quel particolare contesto.

Considerando il fatto che la comunicazione del cane passa in gran parte attraverso la vista, l’udito e l’olfatto, e che si svolge anche su distanze molto ampie (arrivando in taluni casi a centinaia di metri, letteralmente!), la presenza di cani intorno al campo può alterare completamente il contesto, creando stimoli e alcune volte disagi imprevisti, o semplicemente non adeguati a ciò di cui ha bisogno il cane che si trova in campo.

Per quanto il contesto di uno stage voglia essere sereno e piacevole per tutti i cani e gli umani presenti, non si tratta di un’occasione di ritrovo per stare insieme “a casaccio”, ma di un’esperienza formativa con delle necessità “tecniche” importanti, finalizzate a fare un buon “lavoro” che lasci ai partecipanti un arricchimento duraturo.

In quest’ottica, predisporre il contesto in modo che sia adeguato e personalizzato per ogni cane non è per niente facile, quindi è importante che si evitino a priori le situazioni che potrebbero mettere a rischio la qualità di un’interazione e l’esperienza che i cani vivono in campo.

Ecco quindi perché chiedo tassativamente di non far sgambare o sostare i cani “a riposo” nei pressi del campo cinofilo in cui si sta svolgendo una classe o uno stage: è prima di tutto per rispetto verso i cani che stanno partecipando in quel momento.

IMPORTANTE
Le date definite vengono confermate quando c’è un numero sufficiente di iscritti: per info sui vari eventi contattate gli organizzatori tramite il link e/o Facebook! Se siete interessati a portare un mio stage o le classi di comunicazione presso il vostro campo, contattatemi! Grazie!

. Giugno 2019

. 8-9: seminario teorico-pratico “Aggressività e conflitti: emozione, motivazione e relazione”
a Villorba (TV), presso il Doggy Park di Francesca Fachin
https://www.facebook.com/events/2367120396866365/

. 22-23 (in notturna!): seminario teorico-pratico “Gruppi familiari”
a Grosseto, località La Rugginosina, contatto Ramona Di Falco
(pagina evento in preparazione)

. Luglio 2019

. 13-14: seminario teorico “Il predatorio nella socialità del cane”
a Pianezze (VI), contatto Giulia Pedon
https://www.facebook.com/events/431181507665164/

. Settembre 2019

. 14-15: stage teorico-pratico “La comunicazione come base per la relazione”
a Rivalta (TO), contatto: Riccardo Geraci
https://www.facebook.com/events/639066923283562/

. Ottobre 2019

. 5-6: classi di comunicazione
a San Giuliano Terme (PI), presso La Guenda a.s.d., organizzato da Teresa Ruocco
(Pagina evento in preparazione)

. 19-20: classi di comunicazione (intro teoria: il predatorio nella comunicazione)
a Vicolungo (NO), presso il campo di H2dog, contatto: Manuela Paradisi
(Pagina evento in preparazione)

. 25-26-27: seminario teorico-pratico “Il benessere del cane nelle dinamiche di gruppo”
a Terrasini (PA), presso Il Giardino dei Cinofilosofi, di Chiara Cortese
(Pagina evento in preparazione)

. Novembre 2019

. 16-17: seminario teorico-pratico “La comunicazione come base per la relazione”
a Castelnuovo Magra (SP), presso l’a.s.d. “Armonia a 6 zampe”, contatto: Laura Paglini
(Pagina evento in preparazione)

. Dicembre 2019

. Gennaio 2020

. sabato 11: giornata sulla comunicazione del cane, con gli ospiti del canile
ad Arzago D’Adda (BG), presso il canile rifugio della fondazione Baratieri, contatto: Alessandra Varisco
(Pagina evento in preparazione)

. 18-19: classi di comunicazione
a San Giuliano Terme (PI), presso La Guenda a.s.d., organizzato da Teresa Ruocco
(Pagina evento in preparazione)

. Febbraio 2020

. Marzo 2020

In data da definire, forse stage sulla comunicazione a Cagliari, da confermare.

. Aprile 2020

. 4-5: classi di comunicazione
a San Giuliano Terme (PI), presso La Guenda a.s.d., organizzato da Teresa Ruocco
(Pagina evento in preparazione)

. Maggio 2020

. Giugno 2020

. 6-7: classi di comunicazione
a San Giuliano Terme (PI), presso La Guenda a.s.d., organizzato da Teresa Ruocco
(Pagina evento in preparazione)